Utenti online

Amsterdam – 1

Amsterdam 2013Per parlare del breve viaggio ad Amsterdam devo partire con un ringraziamento A Elena Chesta, al suo blog Comida De Mama che raccontando di una città “vissuta” mi ha sempre stimolato a trovare il tempo per visitarla. La possibilità è arrivata sotto la forma di una vacanza da inventare e prenotare in meno di una settimana.
Amsterdam ha vinto (prezzo – novità). Quindi guide, una scorsa ai chilometrici consigli che Elena mi ha fornito (e di cui sono riuscito a sfruttare forse un 5%) e via.
La foto era quasi ovvia per questo primo post introduttivo. La bicicletta, o meglio le biciclette non sono un fatto meramente folkloristico o di colore, sono una cosa vera, sensata, affascinante e latrice di invidia da parte di un cittadino schiacciato in un traffico da città del terzo mondo come me.
I primi momenti del primo giorno sono stati passati pensando a come potessimo muoverci in città e anche quanto spendere per questo. Molto consigliata la carta “I Amsterdam“, ma credetemi, risparmierete un sacco di soldi facendovi trascinare da questa follia senza motore. Fate un salto da McBike (hanno 6 negozi sparsi per Amsterdam), montate in sella e iniziate a gironzolare per la città… [continua]

Scozia!

Finesettimana in arrivo. Abbiamo vinto con convinzione contro la Francia, ora dobbiamo andare a Edimburgo a scontrarci contro i tostissimi scozzesi. Sono alla nostra portata ma a Murrayfield è sempre durissima, lo spirito di sacrificio visto contro l’Inghilterra ci metterà a dura prova. Io vi consiglio di trovarvi un bel pub per godervela nella giusta atmosfera. Intanto ecco le statistiche della partita contro la Francia e vi metto qui di seguito la formazione che sfiderà gli highlanders.

15. Andrea Masi (London Wasps)
14. Giovanbattista Venditti (Zebre Rugby)
13. Tommaso Benvenuti (Benetton Treviso)
12. Gonzalo Canale (La Rochelle)
11. Luke Mclean (Benetton Treviso)
10. Luciano Orquera (Zebre Rugby)
9. Tobias Botes (Benetton Treviso)

1. Andrea Lo Cicero (Racing-Metro Paris)
2. Leonardo Ghiraldini (Benetton Treviso)
3. Martin Castrogiovanni (Leicester Tigers)
4. Quintin Geldenhuys (Zebre Rugby)
5. Francesco Minto (Benetton Treviso)
6. Alessandro Zanni (Benetton Treviso)
7. Simone Favaro (Benetton Treviso)
8. Sergio Parisse (Stade Francais)

A disposizione:
16. Davide Giazzon (Zebre Rugby)
17. Alberto De Marchi (Benetton Treviso)
18. Lorenzo Cittadini (Benetton Treviso)
19. Antonio Pavanello (Benetton Treviso)
20. Paul Edward Derbyshire (Benetton Treviso)
21. Edoardo Gori (Benetton Treviso)
22. Kristopher Burton (Benetton Treviso)
23. Gonzalo Garcia (Zebre Rugby)

Ma che bel concerto

Io proverò, voi proverete… Domenica pomeriggio inoltrato all’Auditorium Parco della Musica (Roma) ci sarà un bel concerto della Juniorchestra. Se avete bambini e li volete interessare allo studio di uno strumento musicale questa è un ottima occasione. Un bel programma “allegro” (niente movimenti lenti che magari annoiano) e gran chiusura con pomp and circumstance. Ecco il programma nella sua totalità:

JuniOrchestra dell’Accademia di Santa Cecilia
Simone Genuini direttore

JuniOrchestra VYP
G.F.Handel Gavotta in sol
Gardel Por una cabeza
Popolare ebraico Chiribim
Badelt Pirati dei Caraibi
Tradizionale Ascarabaz

JuniOrchestra Young
A. Dvorak
Danza slava n.8
L. Van Beethoven Le creature di Prometeo, ouverture
L. Van Beethoven Dalla V sinfonia, terzo e quarto movimento
F.Mendelssohn Ouverture Ruy Blas
J. Brahms Danza Ungherese n. 4
E.Elgar Pomp and circumstance

update: abbiamo trovato i biglietti, ci saremo!

NOI non dovremmo viaggiare

Come non trovarmi daccordo con questo scritto di Antonio Menna. Ci sono stato anch’io a Stoccolma, per altro nell’unico giorno in cui ci sia un po’ di caos, Capodanno. Eppure nonostante la bolgia incredibile alla fermata del tram la loro civiltà ha ripeso il sopravvento, permettendomi di salire su un mezzo stracarico con il passeggino. Quello che volevo aggiungere al suo pensiero è che nessuna città, sia Palermo o Aosta, riescono a tenere il passo dei paesi scandinavi, per quanto riguarda la qualità della vita.

Le allegre avventure in Lambretta del signor Fatelzi

Nota introduttiva: raccontino fantasioso e smentito dai fatti, come spiegerò dopo.

Mettiamo che un giorno il signor Gugliemo Fatelzi (nome di fantasia) decida di andare ad assistere ad un concerto di domenica mattina presso lo splendido auditorium di Roma. Si veste moderatamente elegante, senza strafare, prende la sua giacca imbottita, il suo casco e scende in garage a prendere la sua Lambretta d’epoca (per i vespisti prende la sua bella Vespa d’epoca, così siamo tutti contenti). Mette in moto, saluta passando il giornalaio Armando e si avvia bello felice e scoppiettante verso il centro. Piccolo problema, il caro Guglielmo non è mai andato all’auditorium, sa all’incirca dove potrebbe essere, ma confida su i cartelli stradali visti in giro. Ecco, appunto, non so se li avete visti in giro i cartelli, ma indicano sempre di andare dritto e sono sempre a metà di un rettilineo. Guglielmo è tranquillo, ha incrociato un primo cartello che gli diceva di andare sempre dritto e lui va, sempre dritto. Ora accade una cosa strana, cartello dopo cartello Guglielmo è costretto a fermarsi per rifare il pieno, ripassa per la ventesima volta davanti all’edicola di Armando (che gli prende il tempo sul giro e che gli espone i cartelli tipo F1), dopo di che scompare alla vista. Voci riferiscono di averlo visto nei pressi di Ostia, sul lungomare Caboto, lanciato in direzione Torvajanica, altri giurano di averlo visto passare rombando lungo la Tuscolana direzione Castelli romani e di averlo sentito cantare “lo vedi là c’è Maaarinoo…”, ormai le segnalazioni si moltiplicano, arrivando a segnalarlo nello stesso istante alla tomba di Nerone, in piazza della Repubblica e all’obelisco dell’Eur. Voci ascoltate a “chi l’ha visto” parlano di Guglielmo nei pressi di Carpi, con Ilenia sul sellino posteriore alla amazzone, lanciato a velocità Warp verso Matera. In televisione pare che qualcuno abbia intravisto Guglielmo nel traffico di Bombay mentre chiedeva indicazioni a Alberto Angela che gli rispondeva “se hai la pazienza di seguirmi..” e probabilente non la aveva perche lo si è visto anche in mezzo alla folla della maratona di NY, con la sua brava pettorina, ma forse non era lui, perchè un gruppo di amanti dell’Italia Islandesi giurano e spergiurano di averlo visto mentre cercava di bere da un gayser mettendo il dito sotto a mo’ di “nasone”.

E tu, lo hai visto Guglielmo? Cercalo, fermalo, rimettilo sulla retta via. E digli sempre di diffidare del lupo cattivo, degli sconosciuti con le caramelle e dei cartelli con su scritto “Auditorium” e una bella freccia dritta! Il cartello “Auditorium” disperde anche te, digli di farla finita!!

P.s. In realtà, per esperienza personale, i cartelli ti portano effettivamente all’auditorium, a patto di arrivare almeno sul lungotevere. Certo che i cartelli in periferia che indicano una direzione vaga verso il centro fanno un bell’effetto tipo “ai confini della realtà”!!

[Questo è un post che si trova nell’ archivio del vecchio sito. Ma l’archivio è divenuto pressochè illegibile e proverò a portare su WP qualche post ogni tanto]

Trasporti urbani

Underground

Sono un grande fan delle Metropolitane e dei trasporti pubblici, sistemi di pagamento come la “Oyster” di Londra o l’ammodernamento dei trasporti di Dublino e ovviamente Parigi mi mandano in sollucchero. Per questo guardo ai lavori dei trasporti a Roma con grande e malriposta speranza. Al di la delle problematiche tecniche (Roma è una città complicata) lavori come quelli sul nodo di Termini mi fanno sempre venire in mente la frase “troppo tardi e troppo tutto insieme”.

Ciao Neil

Neil Armstrong

Qui si parla spesso di teatro ed arte, ma abbiamo anche una parte scientifica che ora e’ molto triste per la scomparsa del primo uomo sulla luna. riporto le parole della famiglia, che potete trovare qui:

“For those who may ask what they can do to honor Neil, we have a simple request. Honor his example of service, accomplishment and modesty, and the next time you walk outside on a clear night and see the moon smiling down at you, think of Neil Armstrong and give him a wink.”

“Per coloro che ci chiedono come possono onorare Neil, abbiamo una semplice richiesta. Onorate il suo esempio di servizio, successo e modestia e la prossima volta che fate una passeggiata in una notte tersa e vedrete la luna sorridervi, pensate a Neil Armstrong e fategli l’occhiolino”

Strane cronache da uno strano Paese