Categories

Archives

Il casinista

Ho rivoluzionato il blog, ma non ho pensato che tagliando via alcuni pezzi non più utili ho anche segato via parti che mi servivano. Speriamo di ritrovare tutto quello che ho sparpagliato (niente di che, qualche vecchio link che era presente a sinistra e il link al vecchio archivio (fra le parti meno visitate del blog stesso).

Una nuova ripartenza

Ogni tanto faccio ripartire il blog. Questa volta ho anche cambiato l’aspetto del blog stesso, approfittando dell’Internet Slowdown. La neutralità della rete è in pericolo e tutti noi dobbiamo fare qualcosa. Se volete saperne qualcosa di più vi consiglio di andare su http://NetNeutrality.com oppure https://www.battleforthenet.com/ . Il pericolo è quello di una rete a due corsie, quella dove se si vuole avere una velocità sufficiente per vedere video o aprire un plug – in o una webapp saremo costretti a pagare di più.

Tanti anni fa

20131025-113709.jpgTanti anni fa, durante una settimana bianca (forse ancor minorenne, cosa che allunga ancor di più la distanza nel tempo) venne il momento della terribile festa in maschera. Dotato di un gran bel nasone e trovata camicia bianca e gilet decisi, nella mia ingenuità, di vestirmi da Gaspare. Ma sfortunatamente non trovai nessuno a farmi da Zuzzurro. Nessuno voleva la responsabilità di quella brioche, quella da portare nella tasca. Non funzionò, ovvio.

Quando l’animatore dell’albergo, dopo il puttanone, un improbabile molleggiato e un vichingo senza baffi annunciò “ed ora Gaspare!!” la cosa rimase li, sospesa, senza risoluzione. Ero perfetto, gel, postura, tutto, ma era un no. Feci il mio giro in pista, dissi in paio di “Shabadan!!!” e uscii tristemente. Ora si può capire perfettamente il messaggio di Nino Formicola, quando dice che Zuzzurro e Gaspare non ci sono più. Punto. Non c’è Gaspare senza Zuzzurro, Non ci sono più due amici che sono stati capaci di riuscire a fare anche altro, fuori da un gilet ed un trench.

Amsterdam – 2

Una delle bellissime caratteristiche della cittadina è ovviamente l’acqua. La sua presenza pressochè costante la rende un punto di riferimento mentre si va in giro (é dopo il prossimo canale!!) che una via di trasporto vera. Ovviamente il giro in battello é immancabile per il turista, e qui scappa il primo consiglio. Se volete risparmiare qualcosa e vedere comunque un pezzetto di Amsterdam da questo punto di vista potete sfruttare la mini-crociera offerta dal museo della Heineken (visita che avrà un post tutto suo più avanti).

IMG_2103

Dall’acqua si possono ammirare le straordinarie commistioni architettoniche della città, la dove in pieno centro classico e moderno si affiancano senza problemi di convivenza.

IMG_2148IMG_2105

Non è un giro lunghissimo, in realtà ti portano da davanti al museo fino a dove si trova l’enorme negozio di gadget della birra, ma sufficente per avere un’idea di come venga vissuta l’acqua. Ci si trova a passare accanto a molte case galleggianti (alcune in manutenzione, cosa che ti fa capire quanto sia vero il tutto) con gli abitanti presi nelle loro faccende (Alcune case sono piccoli atelier d’arte).

IMG_2112IMG_2115

Dopo di che parleremo dei musei, che hanno molte frecce al loro arco da molti punti di vista… [continua]

Amsterdam – 1

Amsterdam 2013Per parlare del breve viaggio ad Amsterdam devo partire con un ringraziamento A Elena Chesta, al suo blog Comida De Mama che raccontando di una città “vissuta” mi ha sempre stimolato a trovare il tempo per visitarla. La possibilità è arrivata sotto la forma di una vacanza da inventare e prenotare in meno di una settimana.
Amsterdam ha vinto (prezzo – novità). Quindi guide, una scorsa ai chilometrici consigli che Elena mi ha fornito (e di cui sono riuscito a sfruttare forse un 5%) e via.
La foto era quasi ovvia per questo primo post introduttivo. La bicicletta, o meglio le biciclette non sono un fatto meramente folkloristico o di colore, sono una cosa vera, sensata, affascinante e latrice di invidia da parte di un cittadino schiacciato in un traffico da città del terzo mondo come me.
I primi momenti del primo giorno sono stati passati pensando a come potessimo muoverci in città e anche quanto spendere per questo. Molto consigliata la carta “I Amsterdam“, ma credetemi, risparmierete un sacco di soldi facendovi trascinare da questa follia senza motore. Fate un salto da McBike (hanno 6 negozi sparsi per Amsterdam), montate in sella e iniziate a gironzolare per la città… [continua]

Sicurezza a Cinque Stelle

Torno a parlare di cose di cui mi occupo per lavoro (ma che di rado appaiono qui sopra). Parlo del caso delle mail dei deputati 5 stelle (per favore, basta con l’inutile manfrina dei “Cittadini”). Sul suddetto argomento questo articolo di Pietro Tagliapietre è davvero illuminante.

I sopravvalutatori

Io ad Amedeo Balbi ci voglio molto bene.
Leggetevi tutto l’articolo. Tutto tutto.

Scozia!

Finesettimana in arrivo. Abbiamo vinto con convinzione contro la Francia, ora dobbiamo andare a Edimburgo a scontrarci contro i tostissimi scozzesi. Sono alla nostra portata ma a Murrayfield è sempre durissima, lo spirito di sacrificio visto contro l’Inghilterra ci metterà a dura prova. Io vi consiglio di trovarvi un bel pub per godervela nella giusta atmosfera. Intanto ecco le statistiche della partita contro la Francia e vi metto qui di seguito la formazione che sfiderà gli highlanders.

15. Andrea Masi (London Wasps)
14. Giovanbattista Venditti (Zebre Rugby)
13. Tommaso Benvenuti (Benetton Treviso)
12. Gonzalo Canale (La Rochelle)
11. Luke Mclean (Benetton Treviso)
10. Luciano Orquera (Zebre Rugby)
9. Tobias Botes (Benetton Treviso)

1. Andrea Lo Cicero (Racing-Metro Paris)
2. Leonardo Ghiraldini (Benetton Treviso)
3. Martin Castrogiovanni (Leicester Tigers)
4. Quintin Geldenhuys (Zebre Rugby)
5. Francesco Minto (Benetton Treviso)
6. Alessandro Zanni (Benetton Treviso)
7. Simone Favaro (Benetton Treviso)
8. Sergio Parisse (Stade Francais)

A disposizione:
16. Davide Giazzon (Zebre Rugby)
17. Alberto De Marchi (Benetton Treviso)
18. Lorenzo Cittadini (Benetton Treviso)
19. Antonio Pavanello (Benetton Treviso)
20. Paul Edward Derbyshire (Benetton Treviso)
21. Edoardo Gori (Benetton Treviso)
22. Kristopher Burton (Benetton Treviso)
23. Gonzalo Garcia (Zebre Rugby)

Ma che bel concerto

Io proverò, voi proverete… Domenica pomeriggio inoltrato all’Auditorium Parco della Musica (Roma) ci sarà un bel concerto della Juniorchestra. Se avete bambini e li volete interessare allo studio di uno strumento musicale questa è un ottima occasione. Un bel programma “allegro” (niente movimenti lenti che magari annoiano) e gran chiusura con pomp and circumstance. Ecco il programma nella sua totalità:

JuniOrchestra dell’Accademia di Santa Cecilia
Simone Genuini direttore

JuniOrchestra VYP
G.F.Handel Gavotta in sol
Gardel Por una cabeza
Popolare ebraico Chiribim
Badelt Pirati dei Caraibi
Tradizionale Ascarabaz

JuniOrchestra Young
A. Dvorak
Danza slava n.8
L. Van Beethoven Le creature di Prometeo, ouverture
L. Van Beethoven Dalla V sinfonia, terzo e quarto movimento
F.Mendelssohn Ouverture Ruy Blas
J. Brahms Danza Ungherese n. 4
E.Elgar Pomp and circumstance

update: abbiamo trovato i biglietti, ci saremo!

NOI non dovremmo viaggiare

Come non trovarmi daccordo con questo scritto di Antonio Menna. Ci sono stato anch’io a Stoccolma, per altro nell’unico giorno in cui ci sia un po’ di caos, Capodanno. Eppure nonostante la bolgia incredibile alla fermata del tram la loro civiltà ha ripeso il sopravvento, permettendomi di salire su un mezzo stracarico con il passeggino. Quello che volevo aggiungere al suo pensiero è che nessuna città, sia Palermo o Aosta, riescono a tenere il passo dei paesi scandinavi, per quanto riguarda la qualità della vita.

Go back to top