Category Archives: Rugby

Fatta la storia

Potevo esimermi? No. Anche se negli ultimi tempi ho trascurato i post dedicati alla palla ovale, quello che è accaduto in campo a Firenze rientra, a livello sportivo, negli avvenimenti storici. L’ItalRugby (quanto non mi piace questa definizione), batte per la prima volta una delle Big Four, rappresentate da Nuova Zelanda, Australia, Inghilterra e Sud Africa. Il primo scoglio a cadere è stato appunto l’ultimo, non per secco demerito dei Wallabies (si dice in crisi, ma sono sempre giocatori di livello sublime), ma per un’Italia che non si è disunita, che ha tenuto la testa a posto anche nei 10 minuti in inferiorità numerica (i sudafricani hanno messo a segno solo tre punti in quel frangente). La rivoluzione di O’Shea riguarda, almeno a guardarla da fuori, proprio lo spirito, per costruire quel “Killer Instinct” che ci è sempre difettato, o che è apparso a sprazzi.

Qui il cartellino e di seguito una GIF che rappresenta pienamente il nuovo spirito della squadra, Venditti che va in meta, spostando di netto il suo avversario.

Una cosa da aggiungere. Se in futuro si vorrà allargare ancora di più la platea di appassionati, bisognerà iniziare a utilizzare impianti adeguati. Non è possibile vedere una sfida in un campo in cui l’area di meta è al limite della dimensione minima, come l’ultimo campetto spelacchiato in periferia. Trovo che sia arrivato il momento della nascita di una casa del Rugby, magari recuperando in maniera concreta il povero stadio Flaminio, che casa dell’ovale lo è in effetti stata, dall’ingresso alla consacrazione nel 6 Nazioni.

Attenzione, non è finita, è rimasto l’ultimo Test Match contro Tonga, forte fisicamente (quasi come i Neozelandesi) ma meno capace tecnicamente. Se O’Shea continua il suo lavoro, questa volta sarà la testa a fare la differenza.

Scozia!

Finesettimana in arrivo. Abbiamo vinto con convinzione contro la Francia, ora dobbiamo andare a Edimburgo a scontrarci contro i tostissimi scozzesi. Sono alla nostra portata ma a Murrayfield è sempre durissima, lo spirito di sacrificio visto contro l’Inghilterra ci metterà a dura prova. Io vi consiglio di trovarvi un bel pub per godervela nella giusta atmosfera. Intanto ecco le statistiche della partita contro la Francia e vi metto qui di seguito la formazione che sfiderà gli highlanders.

15. Andrea Masi (London Wasps)
14. Giovanbattista Venditti (Zebre Rugby)
13. Tommaso Benvenuti (Benetton Treviso)
12. Gonzalo Canale (La Rochelle)
11. Luke Mclean (Benetton Treviso)
10. Luciano Orquera (Zebre Rugby)
9. Tobias Botes (Benetton Treviso)

1. Andrea Lo Cicero (Racing-Metro Paris)
2. Leonardo Ghiraldini (Benetton Treviso)
3. Martin Castrogiovanni (Leicester Tigers)
4. Quintin Geldenhuys (Zebre Rugby)
5. Francesco Minto (Benetton Treviso)
6. Alessandro Zanni (Benetton Treviso)
7. Simone Favaro (Benetton Treviso)
8. Sergio Parisse (Stade Francais)

A disposizione:
16. Davide Giazzon (Zebre Rugby)
17. Alberto De Marchi (Benetton Treviso)
18. Lorenzo Cittadini (Benetton Treviso)
19. Antonio Pavanello (Benetton Treviso)
20. Paul Edward Derbyshire (Benetton Treviso)
21. Edoardo Gori (Benetton Treviso)
22. Kristopher Burton (Benetton Treviso)
23. Gonzalo Garcia (Zebre Rugby)

Peppe D’Avanzo e l’ovale

Molti lo conoscono per le dieci domande al premier Berlusconi, per le inchieste, ma lo scomparso Beppe D’Avanzo era anche un rugbista. Voglio ricordarlo con questo suo pezzo (invero vecchietto e in ricordo di quella partita che fu un disastro), che ben descriveva con splendido stile il nostro sport:

Il rugby per salvare l’Italia

Noi appassionati del rugby – diversi e un po’ sfigati come può esserlo in Italia chi non ama il calcio – abbiamo un sogno: vedere l’ 8 settembre a Marsiglia, quando l’Italia giocherà con gli All Blacks la partita di esordio dei Mondiali, il premier, il leader dell’ opposizione. Perché no?, il capo dello Stato. In buona sostanza, chi ha sulle spalle la responsabilità di guidare il Paese. Per un motivo elementare: abbiamo la convinzione che l’Italia abbia bisogno del rugby; che i princìpi del rugby consentano di guardare meglio lo «stato presente del costume degli italiani».

Siamo persuasi che questo gioco possa migliorare l’Italia. È un mistero inglorioso, per gli italiani, il rugby. Pochi sanno esattamente di che cosa si tratta. È un peccato perché il rugby ha le stesse capacità mitopoietiche del calcio e, come il calcio, permette di interpretare il mondo. Dalla sua, il football può vantare moltissimi scrittori che si sono misurati con quest’impresa. Qui da noi con il rugby si è misurato soltanto, che io sappia, Alessandro Baricco con tre cronache (due su questo giornale) che, per noi del rugby, sono ancora oggi una medaglia da mostrare in giro. Di quelle cronache, negli spogliatoi e sugli spalti semideserti, se ne conoscono le frasi a memoria. Un paio in particolare: «Rugby, gioco da psiche cubista»; «Qualsiasi partita di rugby è una partita di calcio che va fuori di testa». Non si discute la scintillante eleganza della scrittura. Mi sembra, però, che la prova di Baricco confonda quel poco che nel rugby è chiaro. «Psiche cubista». A naso, credo che si possa contestare l’ accostamento tra i volumi, i vuoti del cubismo e il rugby.

Il rugby è fatto di traiettorie e di pieni, Continue reading Peppe D’Avanzo e l’ovale

ToccaRoma 2011

Manifesto ToccaromaAnche quest’anno ci prepariamo per ospitare il “nostro” torneo, quest’anno nella duplice veste di torneo open e tappa della Winter League della LITR.

ToccaRoma quest’anno si svolgerà presso il campo dell’Arvalia Villa Pamphili Rugby (all’ombra del serpentone), con la presenza di Segni, San Giorgio al Sannio, ovviamente Roma e la gradita presenza di amici di Perugia e ospiti del progetto “Liberi Nantes touch Rugby” di cui avevo già segnalato la partenza in queste pagine. Ovviamente giornata all’insegna del divertimento e del sano agonismo, a cui farà seguito un meritato terzo tempo. Spero che qualcuno si incuriosisca e venga a vedere, per farsi magari venire voglia di provare a correre stringendo l’ovale.

Quest’anno la grafica del manifesto è opera di Zetaraffix.

6 Nazioni 2011 – Considerazioni

[quanta polvere!] Questo finesettimana si è concluso il 6 Nazioni 2011. A vedere la classifica sembrerebbe non sia cambiato nulla in casa azzurra, ultima posizione (wooden spoon) ecc. Ma in realtà questo 2011 appare più come un punto di svolta che una comparsata.
Volevo partire dal punto più basso, ovvero la partita con l’Inghilterra. Solo che i risultati dell’ultima giornata hanno cambiato ancora il punto di vista. La vincitrice del torneo non ha fatto il Grand Slam, ed è caduta a Dublino con un punteggio peggiore degli azzurri a Edimburgo. Questo cambia ancora di un angolo la visione d’insieme del torneo. Questo è l’anno di esordio delle nostre due franchigie in Celtic League. Oltre ai risultati (migliori per la Benetton, peggiori per gli Aironi ma con alcune belle cose), ha portato parecchi giocatori che poi si ritrovano in nazionale a giocare con livelli europei, come già facevano quelli che giocavano stabilmente in Francia o in UK. Questo si è riflesso nel gioco della nazionale, con alcuni lati deboli, messi in evidenza proprio dall’alto livello generale.
Più gioco alla mano – Le mete sono arrivate da gioco alla mano come non ne vedevamo da molto tempo, ma la partenza fuori dal punto di contatto è sempre pressoché da fermo, con ovvie conseguenze sulla conquista del vantaggio e di metri preziosi. In pratica il primo passaggio del mediano trova il compagno arretrato quasi fermo, con conseguente salita rapida della linea difensiva avversaria, che si traduceva in palla e uomo in genere al secondo o terzo passaggio. Se si riusciva a evitare questa prima lenta fase la palla arrivava alle ali che hanno fatto qualche scoribanda ma ecco uno dei punti dolenti.
Riciclo – Il riciclo da parte dei placcati è sempre scarso, poco più dello scorso anno (devo ancora scorrere le statistiche, ma l’impressione è quella. Spesso isolate le ali sono riuscite comunque a non fare quintali di tenuti, ma la differenza salta agli occhi guardando le conquiste di campo fatte da noi contro Irlanda o anche la stessa Francia.
Rimesse – Ghiraldini con la percentuale più spaventosa degli ultimi anni. C’è poco da dire. Se concedi troppe rimesse agli avversari, non puoi sfruttare quella che era la mischia più forte d’Europa.
Mischia – E’ ormai al livello di quelle delle altre squadre. Non è un punto debole ma neanche la schiacciasassi che avevamo in precedenza. Il pack italiano continua a fare grandi Rolling Maul, ma se mancano le rimesse prese a due mani…(vedi sopra).
Calci – Chi getta la croce su Bergamasco non ha capito che un giocatore che nel suo club non fa il calciatore di “ruolo” e può esercitare solo in nazionale è da ammirare e lodare. Certo, 50% è una ben scarsa percentuale ma quando la concentrazione è salita si è fatto determinante come con la Francia (e in negativo con Irlanda e Galles).
Capitolo Francia – La prima conquista del trofeo Garibaldi (scimmiottato alla Calcutta Cup?) è un eventi storico, contro i campioni in carica. La Francia ha sbagliato atteggiamento, ma non era certo una partita fasulla.

I due match contro Irlanda e Galles, persi di un soffio o di tanti calci persi hanno messo in evidenza proprio la manchevolezza realizzativa. Non di sole Mete vive il Rugby. I giornali d’oltremanica, Gallesi e Irlandesi, hanno messo in evidenza che quest’anno non c’erano grosse differenze fra le squadre, e che l’Italia era da temere come non mai. Alla fine i due crolli grossi sono stati contro l’inghilterrra (forse anche psicologico) e il terribile secondo tempo Scozzese (più fisico che altro). Ma la squadra fino all’uscita di Masi (uomo chiave quest’anno), era all’altezza della fama conquistata. Vedremo se i prossimi grandi appuntamenti (il mondiale alle porte, con il solito girone impossibile) e il prossimo 6 Nazioni mostreranno ancora miglioramenti, che saranno da prevedere guardando come evolverà il discorso Celtic League.

Questo post si chiama “dovevo andare alla BlogFest”

Questo post si chiama “dovevo andare alla BlogFest“. Invece no. Pensavo di andare su in famiglia. Invece no. Volevo fare il RugbyCamp. Invece no. Volevamo portare anche le scarpe da Tango per ballare fra i FantozziPuf e gli iPad. Invece no.
E tutto perché mi sono trascurato un infortunio avvenuto in campo. Ora, se voglio tornare a giocare, devo fare un “simpatico” ciclo di terapie e di ginnastica posturale e per sovrapprezzo stare fermo sino al termine della terapia, se non voglio buttare via il sacrificio in corso.

Questo post, si sarebbe potuto chiamare “Andiamo alla BlogFest”.
Invece no.

Resoconti

Formazione TRR

La settimana passata (e in parte anche la presente) è stata piena di cose e avvenimenti, ma tempo per scrivere ben poco. L’immagine della squadra, al termine del torneo del ToccaRoma conclude e corona un ciclo, che riprenderà presso la nuova sede del Torrino. Il touch rugby, al contrario di quello che pensano i simpatici omini di Rugby.it, prende lentamente piede e conquista anche chi, in passato, si dichiarava contrario alla sua presenza.
In più, sono riuscito a portare in televisione il touch con le immagini del torneo e una breve spiegazione di quello che è e che può rappresentare per il movimento ovale. Ecco la puntata, se vi va di sorbirvela.

Spazio Libero Televita_ Plus_27_04_2010 from stefano on Vimeo.

ToccaRoma 2010 – Daje de touch! Seconda edizione – Il post ufficiale

Ecco, è arrivato il venerdì prima del torneo, quindi è il momento del “post ufficiale”:

La Touch Rugby Roma, con il patrocinio della Lega Italiana Touch Rugby (L.I.T.R.), ha il piacere di organizzare la seconda edizione del torneo di Touch Rugby:

ToccaRoma

Sabato 24 aprile 2010
Ore 14,00
Centro Sportivo San Tarcisio, Rugby Roma 2000
Lungotevere Dante 5

ROMA

Mappa

Gli incontri verranno disputati da squadre composte da 6 giocatori ciascuna più eventuali riserve, secondo il regolamento internazionale di Touch Rugby, illustrato presso il sito L.I.T.R., e del quale si può consultare di seguito un piccolo sunto: Breve Regolamento Touch Rugby

Il torneo è aperto a formazioni già organizzate ed a singoli partecipanti che verranno inseriti tra fila delle compagini presenti.

Ti aspettiamo il 24 Aprile a Roma, per vivere insieme una grande giornata di Touch Rugby.

Daje de Touch!!!


Tappe di avvicinamento

Siamo un po’ (più di un po’) in ritardo, ma stiamo procedendo alla preparazione della seconda edizione del “ToccaRoma”, torneo di Touch Rugby che speriamo di consolidare sempre di più. L’evento ci sarà sabato 24 Aprile, stiamo aspettando alcune risposte e preparando un minimo di campagna pubbicitaria su internet. Prossimamente un post che fungerà da comunicato ufficiale.