Category Archives: Roma

Chorus is Back!

Logo Santa CeciliaQuesta sera in Sala Sinopoli all’Auditorium Parco della Musica torna in azione Chorus, il coro non professionista ma professionale dell’Accademia Santa Cecilia. Dopo l’impegno di una parte della compagine per “L’inedia prodigiosa” della Ronchetti al RomaEuropaFestival, prima apparizione del gruppo completo per uno spettacolo a tema matalizio, in compagnia delle splendide voci della Cantoria, gli ottoni della Juniorchestra (anche detti Juniottoni) e con la Big Band dei maestri dell’orchestra. Dalla classica alle canzoncine natalizie, senza dimenticarci di fare un po’ di sano baccano pop. Ci sono ancora posti, non mancate, e AUGURI!

Concerto finale Juniorchestra

Domani sera alle 19.00,  presso l’auditorium parco della musica a Roma, concerto finale  delle formazioni Kids e Teen della Juniorchestra dell’accademia S. Cecilia. il concerto si terrà nella sala S. Cecilia. Concerto allegro, ottimo se volete portare i bambini a vedere loro coetanei alle prese con strumenti di tutte le foggie e misure:

Ecco i programmi:

JUNIORCHESTRA KIDS

  • G. Haendel – Musica sull’acqua
  • Popolare – Orso ballerino
  • G. Verdi – Brindisi da La Traviata
  • Popolare – Yddish Chiribim
  • N. Piccinni – Contraddanza
  • G. Mainerio – Schiarazula Marazula
  • F. Churchill/L. Harline – Ehi oh!

JUNIORCHESTRA  TEEN

  • H. Purcell – Trumpet tune
  • G. Rossini – Sinfonia dall’opera “La Cenerentola”
  • G. Faure – Pavane
  • Popolare Scozzese – Giga
  • J. Williams – Suoniamo con Harry
  • Z. Abreu – Tico tico

Qui il link per i biglietti e ulteriori informazioni.

Buon Ascolto!

Ma che bel concerto

Io proverò, voi proverete… Domenica pomeriggio inoltrato all’Auditorium Parco della Musica (Roma) ci sarà un bel concerto della Juniorchestra. Se avete bambini e li volete interessare allo studio di uno strumento musicale questa è un ottima occasione. Un bel programma “allegro” (niente movimenti lenti che magari annoiano) e gran chiusura con pomp and circumstance. Ecco il programma nella sua totalità:

JuniOrchestra dell’Accademia di Santa Cecilia
Simone Genuini direttore

JuniOrchestra VYP
G.F.Handel Gavotta in sol
Gardel Por una cabeza
Popolare ebraico Chiribim
Badelt Pirati dei Caraibi
Tradizionale Ascarabaz

JuniOrchestra Young
A. Dvorak
Danza slava n.8
L. Van Beethoven Le creature di Prometeo, ouverture
L. Van Beethoven Dalla V sinfonia, terzo e quarto movimento
F.Mendelssohn Ouverture Ruy Blas
J. Brahms Danza Ungherese n. 4
E.Elgar Pomp and circumstance

update: abbiamo trovato i biglietti, ci saremo!

Le allegre avventure in Lambretta del signor Fatelzi

Nota introduttiva: raccontino fantasioso e smentito dai fatti, come spiegerò dopo.

Mettiamo che un giorno il signor Gugliemo Fatelzi (nome di fantasia) decida di andare ad assistere ad un concerto di domenica mattina presso lo splendido auditorium di Roma. Si veste moderatamente elegante, senza strafare, prende la sua giacca imbottita, il suo casco e scende in garage a prendere la sua Lambretta d’epoca (per i vespisti prende la sua bella Vespa d’epoca, così siamo tutti contenti). Mette in moto, saluta passando il giornalaio Armando e si avvia bello felice e scoppiettante verso il centro. Piccolo problema, il caro Guglielmo non è mai andato all’auditorium, sa all’incirca dove potrebbe essere, ma confida su i cartelli stradali visti in giro. Ecco, appunto, non so se li avete visti in giro i cartelli, ma indicano sempre di andare dritto e sono sempre a metà di un rettilineo. Guglielmo è tranquillo, ha incrociato un primo cartello che gli diceva di andare sempre dritto e lui va, sempre dritto. Ora accade una cosa strana, cartello dopo cartello Guglielmo è costretto a fermarsi per rifare il pieno, ripassa per la ventesima volta davanti all’edicola di Armando (che gli prende il tempo sul giro e che gli espone i cartelli tipo F1), dopo di che scompare alla vista. Voci riferiscono di averlo visto nei pressi di Ostia, sul lungomare Caboto, lanciato in direzione Torvajanica, altri giurano di averlo visto passare rombando lungo la Tuscolana direzione Castelli romani e di averlo sentito cantare “lo vedi là c’è Maaarinoo…”, ormai le segnalazioni si moltiplicano, arrivando a segnalarlo nello stesso istante alla tomba di Nerone, in piazza della Repubblica e all’obelisco dell’Eur. Voci ascoltate a “chi l’ha visto” parlano di Guglielmo nei pressi di Carpi, con Ilenia sul sellino posteriore alla amazzone, lanciato a velocità Warp verso Matera. In televisione pare che qualcuno abbia intravisto Guglielmo nel traffico di Bombay mentre chiedeva indicazioni a Alberto Angela che gli rispondeva “se hai la pazienza di seguirmi..” e probabilente non la aveva perche lo si è visto anche in mezzo alla folla della maratona di NY, con la sua brava pettorina, ma forse non era lui, perchè un gruppo di amanti dell’Italia Islandesi giurano e spergiurano di averlo visto mentre cercava di bere da un gayser mettendo il dito sotto a mo’ di “nasone”.

E tu, lo hai visto Guglielmo? Cercalo, fermalo, rimettilo sulla retta via. E digli sempre di diffidare del lupo cattivo, degli sconosciuti con le caramelle e dei cartelli con su scritto “Auditorium” e una bella freccia dritta! Il cartello “Auditorium” disperde anche te, digli di farla finita!!

P.s. In realtà, per esperienza personale, i cartelli ti portano effettivamente all’auditorium, a patto di arrivare almeno sul lungotevere. Certo che i cartelli in periferia che indicano una direzione vaga verso il centro fanno un bell’effetto tipo “ai confini della realtà”!!

[Questo è un post che si trova nell’ archivio del vecchio sito. Ma l’archivio è divenuto pressochè illegibile e proverò a portare su WP qualche post ogni tanto]

Trasporti urbani

Underground

Sono un grande fan delle Metropolitane e dei trasporti pubblici, sistemi di pagamento come la “Oyster” di Londra o l’ammodernamento dei trasporti di Dublino e ovviamente Parigi mi mandano in sollucchero. Per questo guardo ai lavori dei trasporti a Roma con grande e malriposta speranza. Al di la delle problematiche tecniche (Roma è una città complicata) lavori come quelli sul nodo di Termini mi fanno sempre venire in mente la frase “troppo tardi e troppo tutto insieme”.

ToccaRoma 2011

Manifesto ToccaromaAnche quest’anno ci prepariamo per ospitare il “nostro” torneo, quest’anno nella duplice veste di torneo open e tappa della Winter League della LITR.

ToccaRoma quest’anno si svolgerà presso il campo dell’Arvalia Villa Pamphili Rugby (all’ombra del serpentone), con la presenza di Segni, San Giorgio al Sannio, ovviamente Roma e la gradita presenza di amici di Perugia e ospiti del progetto “Liberi Nantes touch Rugby” di cui avevo già segnalato la partenza in queste pagine. Ovviamente giornata all’insegna del divertimento e del sano agonismo, a cui farà seguito un meritato terzo tempo. Spero che qualcuno si incuriosisca e venga a vedere, per farsi magari venire voglia di provare a correre stringendo l’ovale.

Quest’anno la grafica del manifesto è opera di Zetaraffix.

Balliamo di Architettura

Formazione BollaniSono riuscito ad andare a vedere Bollani all’auditorium, anche con il fisico che remava contro. Devo dire che ne è valsa la pena, visto che l’incrocio Zappa + Bollani è stato decisamente riuscito. Partiamo dalla formazione. Bollani è spalleggiato da un gruppo di musicisti americani favolosi, Josh Roseman al trombone, Jason Adasiewicz al vibrafono (una vera rivelazione, usa lo strumento in maniera folgorata e folgorante), Larry Grenadier al contrabbasso e Jim Black alla batteria. Il concerto porta (ovviamente) pochi brani in dote, espansi sino la dove la trama della musica zappiana permette, tenendo conto che lui per primo si divertiva con questo genere di operazioni. La scaletta riporta cose come Lumpy Gravy, Blessed Relief, poi l’unico pezzo cantato, un Bobby Brown fedele all’originale ma pieno di chitarrine di plastica e sassofoni della bontempi, il vibrafono suonato con l’archetto, poi Cocksuckers’ Ball (specifico, i brani non erano dichiarati, questo è quello che ho “intuito” all’ascolto) e i bis, iniziando da una versione per piano solo di uno dei miei pezzi preferiti di Zappa “Peaches en Regalia”, velocità e spostamenti di accenti incredibile, con il pubblico che ha continuato a chiamare il gruppo sul palco con la concessione del tema di Lumpy Gravy ripetuto in chiusura. Ora non mi resta che sperare in una pubblicazione di questa serie di concerti. Sarebbe un bel regalo a diversi gruppi di persone, appassionati di jazz, zappiani e curiosi musicali in generale.

La foto è orrida, fatta in deroga alle animose richieste dell’Auditorium di non farne (neanche potessi venderla, tsè), a solo memento del fatto che qualche linea di febbre non mi hanno impedito di fruire di buona musica.

Cose belle dal passato (finesettimana)

Come al solito mi ricordo di scrivere due righe sempre molto dopo gli accadimenti, ma il finesettimana molto piacevole (ancorchè stancante) mi andava di testimoniarlo.

Iniziamo con la parte rugbistica. Al Flaminio di Roma, nella solita bella atmosfera che circonda il 6 Nazioni, l’Italia vince (a mio giudizio convincendo) contro la Scozia in una partita sostanzialmente brutta e tattica, con pochissimi momenti di spettacolarità. L’Italia scopre il riciclo e la difesa avanzante. Mi viene il dubbio che Mallet non stia affatto lavorando male, sono solo i tempi mostruosamente lunghi che mi lasciano perplesso. La cornice non ve la descrivo, vi basta vedere le foto che si trovano in giro.

Foto di Gruppo TRR
Foto di Giorgia Meschini

Poi la sera, sfruttando i mezzi pubblici, puntata al Teatro Argentina per la ripresa di Pippi Calzelunghe. Vedere un teatro pieno di bambini è bello, specie se lo spettacolo è un po’ più di uno spettacolo di teatro verde. L’edizione in questione è quella con l’adattamento teatrale di Staffan Gotestam e la regia e le coreografie di Fabrizio Angelini. bravissimo tutto il cast e un applauso all’allestimento scenografico.

Rimanendo poi in ambito “Junior” c’è da dire che “Explora“, il museo dei bambini di Roma è un piccolo gioiello dedicato a loro, anche se lo spazio è ristretto e alcune cose meriterebbero una manutenzione migliore. Una domenica mattina li dentro può essere una bella esperienza per l’accoppiata genitori-figli (o nonni-nipoti, se preferite).